Altre specializzazioni

Dietologia

Medicina naturale e agopuntura

Allergologia pediatrica

Massoterapia e linfodrenaggio

Chirurgia vascolare e flebologia

DIAGNOSTICA VASCOLARE
La diagnostica non invasiva si avvale di un’apparecchiatura ecografica con modulo vascolare dedicato per lo studio del distretto arterioso e venoso superficiale e profondo.

ECOCOLORDOPPLER dei TSA (TRONCHI SOVRA-AORTICI)
Metodica ormai invalsa nella pratica clinica quotidiana per lo studio del distretto carotido-vertebrale extracranico. È la metodica di prima linea per identificare stenosi (restringimenti) significative e prevenire l’ictus.

ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO degli ARTI INFERIORI
Lo studio dell’albero vascolare arterioso permette di rivelare stenosi che possono causare un rallentamento o una interruzione del flusso sanguigno verso un distretto periferico. Tali condizioni possono essere la causa di stati clinici di ischemia cronica (ad es. Claudicatio) o addirittura di ischemie acute o critiche.

ECOCOLORDOPPLER VENOSO degli ARTI INFERIORI
Questo esame studia il sistema venoso superficiale e profondo degli arti inferiori. È lo strumento indispensabile per l’inquadramento dell’insufficienza venosa cronica e per programmare qualsiasi tipo di intervento alle vene degli arti inferiori, dalla safenectomia all’avulsione di piccoli collaterali varicosi. È inoltre l’indagine di primo livello per escludere l’insorgenza di TVP (Trombosi Venosa Profonda).

ECOCOLORDOPPLER AORTA ADDOMINALE e ARTERIE ILACHE
Esame di screening per identificare la presenza di aneurismi dell’aorta addominale sottorenale nella popolazione. Risulta molto utile anche come follow-up di lesioni già note. Richiede una adeguata preparazione addominale da parte del paziente.

ECOCOLORDOPPLER ARTERIE RENALI
Strumento molto utile per l’inquadramento di pazienti che si presentano con una insufficienza renale lieve-moderata, o per evidenziare possibili cause di ipertensione arteriosa. Richiede una adeguata preparazione addominale da parte del paziente.

Patologie Trattate:
PATOLOGIE VENOSE

  • INSUFFICENZA SAFENICA PRIMARIA o RECIDIVA, con metodiche d’avanguardia, mini-invasive ed in anestesia locale.
  • VARICOPATIE senza interessamento safenico.

PATOLOGIE ARTERIOSE

  • ARTERIOPATIE OBLITERANTI degli ARTI INFERIORI
  • STENO-OSTRUZIONI CAROTIDEE
  • ANEURISMI AORTICI
  • TORACICI
  • ADDOMINALI

Chirurgia Vascolare:

SCLEROTERAPIA VENOSA
Eseguito a livello ambulatoriale. Consiste nell’iniezione di liquido sclerosante direttamente nel piccolo collaterale venoso varicoso. Non si esegue mai nei mesi estivi per il rischio di iperpigmentazione cutanea. Non si esegue in regime di SSN.

VARICECTOMIE
Intervento che viene praticato in anestesia locale. Consiste nella asportazione chirurgica delle varici, mediante micro-incisioni che spesso non richiedono nemmeno l’applcazione di punti di sutura. In genere non si esegue nei mesi estivi.

SAFENECTOMIA
Intervento che consente di affrontare l’insufficienza safenica condizionante varicosità di coscia e gamba. Si pratica attraverso una incisione di circa 6 centimetri a livello inguinale e di un numero variabile di piccole incisioni di gamba a seconda dell’importanza del problema varicoso sottogenuale. Eseguibile in “day-hospital” oppure con ricovero di una notte. In genere non si esegue nei mesi estivi.

ENDOSCLEROSI SAFENICA MEDIANTE RADIOFREQUENZA
Intervento che viene  praticato in anestesia locale. Consiste nel “bruciare” la safena senza praticare incisioni a livello inguinale e senza “sfilarla”. Questo si riflette su un immediato recupero delle attività sociali e lavorative (in genere dopo 1-2 giorni) e nella minimizzazione dei fastidi dovuti allo stripping. In genere non si esegue nei mesi estivi.

RIVASCOLARIZZAZIONE ARTERIOSA degli ARTI INFERIORI
Interventi che vengono realizzati con lo scopo di ripristinare un adeguato apporto di sangue agli arti inferiori per alleviare i sintomi dell’insufficienza arteriosa, come la claudicatio o l’ischemia cronica critica. Le metodica utilizzate variano dalla TEA femorale, ai bypass extra-anatomici sottogenuali, alla rivascolarizzazione percutanea (PTA) dei vasi iliaci e femorali superficiali, con o senza utilizzo di Stent.

TEA (TROMBO-ENDO ARTERECTOMIA) CAROTIDEA
Intervento chirurgico per la rimozione di placche carotidee nella prevenzione secondaria dell’ictus. Viene praticato generalmente in anestesia loco-regionale attraverso una incisione laterocervicale di 8-10 centimetri circa. Richiede un adeguato studio cardiologico pre-operatorio e un ricovero di tre giorni circa.

PTA (ANGIOPLASTICA PERCUTANEA) e STENTING CAROTIDEO
Intervento eseguito in anestesia locale tramite una puntura arteriosa all’inguine. La placca carotidea non viene asportata ma “dilatata” e tenuta in posizione da una piccola gabbia metallica (stent). Rispetto alla TEA offre il vantaggio di una minima invasività chirurgica.

INTERVENTO all’AORTA ADDOMINALE o TORACICA per ANEURISMA (AAA e AAT)
Intervento che consiste nella sostituzione chirurgica, o nella esclusione mediante endoprotesi, del tratto di aorta colpito da dilatazione aneurismatica. Richiede un ricovero variabile da 4 a 8 giorni a seconda del tipo di intervento proposto.

Allergologia

l 30% della popolazione è allergico. Per di più un’allergia, nel corso della vita, può cambiare di forma e intensità. Si calcola inoltre che questa percentuale salirà fino al 50% nei prossimi anni. Le allergie da “stagionali” sono ormai considerate e rilevate quali “perenni”. Un soggetto allergico, ormai, soffre tutto l’anno senza distinzioni ma oggi è possibile una diagnosi precocissima e cure innovative. Le malattie allergiche come l’asma bronchiale, l’oculorinite, la dermatite atopica, la dermatite da contatto, l’orticaria, l’angioedema mostrano un trend in aumento. Non c’è una trasmissione genetica diretta, ma senza dubbio vi è una forte componente associata alla familiarità. Ci sono inoltre fattori esterni che hanno influito in modo rilevante sul rischio ereditario e l’ambiente in cui viviamo gioca un ruolo importantissimo. Il fumo di sigaretta, l’alimentazione e l’inquinamento, l’esposizione alle malattie infettive e l’utilizzo precoce di determinati farmaci, e molti altri fattori regolano questa ascesa delle patologie allergiche e la persistenza nel corso della vita. Oltre alla prevenzione, oggi è possibile fare una diagnosi precoce.

La diagnosi allergologica può essere effettuata con test cutanei in vivo o con test in vitro.

I test in vivo sono:
– Prick Test per allergeni inalanti (acari della polvere, graminacee, betulla, nocciolo,olivo,parietaria micofiti, epitelio di cane, gatto, ambrosia, assenzio,lattice) per la valutazione delle allergie respiratorie
– Prick Test per allergeni alimenti (latte, uovo, arachide, nocciola, soia, pomodoro, pesci, legumi, crostacei, frutta) per la valutazione delle allergie alimentari
Consiste nell’applicazione di gocce dei principali allergeni a livello dell’avambraccio, con una punta poi si arriva allo strato superficiale e dopo circa 15 minuti dall’esecuzione del test si effettua la lettura. I prick test possono essere effettuati ai bambini di qualsiasi età.
– Patch Test per la valutazione delle dermatiti allergiche da contatto (principali apteni testati: nichel solfato, parabeni, cobalto cloruro, parafenilendiammina, balsamo del Perù, Lyral, Profumi mix, etc)
– Patch Test per alimenti (latte, uovo, frumento)

Consistono nell’applicazione a livello della regione dorsale, di cerotti contenenti sostanze allergeniche, apteni, e la lettura viene effettuata a 72 ore dall’applicazione dei patch test.

Prove di funzionalità respiratoria: la spirometria è un esame molto semplice e non invasivo, fondamentale per chi ha sintomi respiratori come dispnea, tosse, fischi, sibili per asma bronchiale o altre malattie respiratorie, che misura i volumi respiratori e la velocità dei flussi dell’aria.
Elevata esperienza in allergologia pediatrica

Attività ambulatoriali
Visite specialistiche allergologiche
Prick test per inalanti
Prick test per alimenti
Patch test per apteni
Patch test per alimenti
Spirometria semplice
Test di broncodilatazione farmacologia
Test dell’orticaria

Competenze cliniche su adulti e bambini
Allergie alimentari
Rinite allergica
Infezioni ricorrenti delle vie aeree
Congunitivite
Asma bronchiale
Orticaria- angioedema
Dermatite da contatto
Dermatite atopica